COME DIVENTARE UN COMUNE VIRTUOSO E RICICLONE!

I quattro Comuni premiati a Roma il 9 Luglio da Legambiente a "Comuni Ricicloni 2014" si avvalgono tutti dei servizi di igiene ambientale di GEST – Gruppo Gesenu, una gratificazione per l'impegno profuso giunta grazie a questa vetrina per la comunicazione dei risultati raggiunti, per la presentazione delle buone pratiche che hanno consentito a: Umbertide, Giano dell’Umbria, Torgiano e Montecastello di Vibio di accedere ai riconoscimenti nazionali.

In questi Comuni l’Amministrazione e GEST – Gruppo Gesenu, come previsto per ogni altro piano d’ambito, hanno personalizzato gli interventi ed i servizi per dare vita ad un processo di buona gestione dei rifiuti conforme ai regolamenti vigenti, ma integrato con i molteplici aspetti delle singole aree e dei centri urbani e con le esigenze della diversa popolazione coinvolta sempre in modo collaborativo.


Ridurre la quantità di rifiuti quasi a zero, riusando e riciclando il più possibile. Questa l’ambizione del piano di Bruxelles per rimanere competitivi sul mercato globale, generare crescita e posti di lavoro, indicando l’obbligo di riciclare come minimo il 70% dei rifiuti urbani entro il 2030. Ogni Paese europeo ha preso una sua velocità per raggiungere l’eliminazione delle discariche e scoraggiare l’uso degli inceneritori.

In base a quanto emerso dall’ultimo quadro nazionale presentato da Legambiente in occasione della XXI edizione di “Comuni Ricicloni”, svoltasi il 9 Luglio a Roma, i comuni virtuosi in Italia sono attualmente il 16% e continuano a crescere. Per la nostra regione, sul podio delle premiazioni per la raccolta differenziata attuata nel corso 2013, sono saliti quattro comuni umbri: Umbertide, Giano dell’Umbria, Torgiano, Monte Castello di Vibio.

La classifica dei vincitori viene redatta da un indice di valore formulato sul dato percentuale minimo richiesto del 65% di raccolta differenziata integrato da altri meriti attribuiti da un criterio di buona gestione dei rifiuti urbana risultante da un’azione quali quantitativa, con acquisti di beni, servizi ed opere che valorizzino i materiali recuperati.

Sono tre le categorie dei premi per i “Comuni Ricicloni”: miglior raccolta differenziata, maggior percentuale di raccolta differenziata complessiva, e miglior raccolta differenziata delle singole principali frazioni merceologiche oggetto di raccolte separate. La distribuzione dei riconoscimenti è effettuata per classi di grandezza demografica dei Comuni, mentre la verifica dei dati ricevuti dai Comuni è effettuata da Legambiente di concerto con i responsabili comunali per la gestione dei rifiuti, con la collaborazione dei circoli territoriali di Legambiente, degli Osservatori Provinciali e delle ARPA regionali. La successiva elaborazione dei dati avviene grazie all'ausilio di un foglio di calcolo dedicato. La validazione dei risultati ottenuti si avvale della collaborazione di una giuria tecnica che ha riportato i seguenti dati per la classifica umbra:

UMBERTIDE  Abitanti 16.748
Indice di buona gestione 54,66 - % Raccolta Differenziata 71,6 - Procapite 1,35

GIANO DELL’UMBRIA Abitanti 3.815
Indice di buona gestione 57,15 - % Raccolta Differenziata 70,1 - Procapite 1,07

TORGIANO Abitanti 6.698
Indice di buona gestione 53,97, % Raccolta Differenziata 71,7 - Procapite 1,23

MONTECASTELLO DI VIBIO Abitanti 1.610
Indice di buona gestione 48,17 % Raccolta Differenziata 65,6 - Procapite 1,01

Anche altri comuni umbri, non premiati, hanno raggiunto un buon livello di raccolta differenziata, come sottolineato dall’ Assessore regionale all’Ambiente Silvano Rometti, per il quale: «Dai numeri in nostro possesso Umbertide, Bastia, Marsciano e Todi sono i Comuni oltre i diecimila abitanti che hanno superato l`obiettivo fissato dal Piano regionale del 65% di raccolta differenziata. Complessivamente, dunque, su 28 Comuni umbri che hanno superato il 50%, sei hanno oltrepassato l’obiettivo del 65%».

Un trend positivo che conferma la volontà di perseguire un sistema di gestione dei rifiuti premiante per le comunità locali, gli amministratori e i cittadini, principali protagonisti del cambiamento in corso.

I quattro Comuni premiati da Legambiente a Comuni Ricicloni 2014 si avvalgono tutti dei servizi di igiene ambientale di GEST – Gruppo Gesenu, una gratificazione dell’impegno profuso giunta proprio grazie a questa vetrina per la comunicazione degli sforzi compiuti e dei risultati raggiunti, per la presentazione delle buone pratiche che hanno consentito a Umbertide, Giano dell’Umbria, Torgiano e Montecastello di Vibio di accedere ai riconoscimenti nazionali. In questi Comuni l’Amministrazione e GEST – Gruppo Gesenu, come previsto per ogni altro piano d’ambito, hanno personalizzato gli interventi ed i servizi per dare vita ad un processo di buona gestione dei rifiuti conforme ai regolamenti vigenti, ma integrato con i molteplici aspetti delle singole aree e dei centri urbani e con le esigenze della diversa popolazione coinvolta sempre in modo collaborativo.

In queste realtà si attua la raccolta differenziata “porta a porta” tramite contenitori domiciliari colorati che hanno consentito la totale rimozione dei cassonetti stradali per i rifiuti indifferenziati. Il calendario del ritiro è ottimizzato settimanalmente per tipologia di materiali. I proprietari di piccoli terreni possono praticare, inoltre, il compostaggio domestico dei rifiuti organici da trasformare in concime. Per ogni altro genere di conferimento, quali ad esempio sfalci e potature, è attivo il Centro di Raccolta Comunale e sono utilizzabili delle vaschette fisse posizionate logisticamente in più aree di servizio urbano.  In alcuni casi è introdotta la raccolta “di prossimità” con la sola differenza dei locali commerciali e delle grandi utenze per le quali sono previste specifiche installazioni in sede.

Ma quali sono gli elementi critici di successo per diventare un Comune Riciclone? L’Ing. Massimo Pera, Dirigente Servizi Esterni di Gesenu S.p.A. indica questi punti fondamentali a complemento delle norme basilari dettate dai regolamenti e dall’obiettivo stabilito dall'articolo 205 del Testo Unico Ambientale pari al 65% di raccolta differenziata: attività di prevenzione e riduzione della produzione dei rifiuti pro capite, efficacia del servizio, sicurezza dello smaltimento con particolare riferimento al circuito dei rifiuti speciali, qualità della raccolta e recupero effettivo del materiale, riduzione e recupero degli imballaggi, attenzione a 360° alle grandi utenze ed ai grandi produttori di rifiuti, agli eventi territoriali con notevole flusso di pubblico, politiche di green territoriali, campagne di comunicazione rivolte ad ogni target di utenza, personalizzazione degli interventi in base al contesto territoriale, utilizzo di veicoli a metano con emissioni ridotte, personale motivato ed aggiornato periodicamente, vigilanza ambientale, informazione costante alla popolazione sui corretti comportamenti, sinergia con le amministrazioni, ottimizzazione dei calendari di ritiro e dei percorsi di filiera e industriali.

SCARICA LA RASSEGNA STAMPA
   

SCARICA IL RAPPORTO RIFIUTI URBANI - UMBRIA 2013
  
 

SCARICA IL DOSSIER LEGAMBIENTE - COMUNI RICICLONI 2013
   

Guida interattiva alla raccolta differenziata.
Documento della Prevenzione della Corruzione
Tutto quello che c’è da sapere sull’imposta.