FAQ EMERGENZA CORONAVIRUS

Dal 1° Aprile 2022 non sarà più attivo il servizio di raccolta dedicato ai rifiuti COVID-19
Cambiano le regole: per i positivi si torna alla raccolta differenziata ordinaria nel rispetto delle direttive emanate dall’Istituto Superiore di Sanità

In concomitanza con il termine della fase emergenziale relativa al COVID-19, come da indicazioni della Regione Umbria e in ottemperanza alle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità, sarà interrotto il servizio di raccolta dedicato esclusivamente ai rifiuti COVID.

A partire da domani, venerdì 1° Aprile, il gestore è infatti tenuto a seguire sull’intero territorio regionale, le modalità di raccolta, smaltimento e trattamento dei suddetti rifiuti, secondo nuove modalità operative, descritte dal documento “Nuove Linee Guida ISS – Fine stato di emergenza e gestione rifiuti da COVID” trasmesso dalla Regione Umbria che aggiorna e sostituisce quanto indicato nel Rapporto ISS COVID-19 n. 3/2020 Rev. 2, in forza del quale era stata adottata l’Ordinanza n. 13 del 30 marzo 2020, reiterata con Ordinanza n. 35 del 01 luglio 2020.

Pertanto, i soggetti positivi al COVID-19, a partire dal 1° Aprile dovranno riprendere a fare una regolare raccolta differenziata secondo le regole in vigore nel proprio territorio seguendo però alcune specifiche raccomandazioni:

- Per tutte le frazioni andranno utilizzati due sacchetti uno dentro l’altro della stessa tipologia prevista per la frazione raccolta;

- Si raccomanda in generale di chiudere adeguatamente i sacchi eventualmente utilizzando guanti monouso; I guanti monouso utilizzati per l’operazione dovranno essere rimossi rovesciandoli (per evitare che vengano a contatto con la cute) ed essere eliminati nel successivo sacco di rifiuti indifferenziati;

- I fazzoletti di carta, i rotoli di carta asciugamano, le mascherine, i guanti, i tamponi per test di autodiagnosi e i materiali che possono essere stati contaminati vanno inseriti in una busta separata, che poi andrà chiusa e gettata nel contenitore per la raccolta del materiale non riciclabile (indifferenziata);

- Si raccomanda di non schiacciare e comprimere i sacchi con le mani;
- Si raccomanda di far smaltire il rifiuto dalla propria abitazione con le procedure in vigore sul territorio.

- Evitare di fare accedere animali nel locale in cui sono presenti i sacchetti di rifiuti per evitare rotture dei sacchetti;

- Assicurarsi, ogni volta che si dovranno smaltire oggetti taglienti, a punta o comunque in grado di provocare rotture dell’involucro, che ciò non avvenga avvolgendoli con carta o inserendoli in un contenitore.

I soggetti non positivi al COVID-19 possono invece continuare a fare la raccolta differenziata come sempre fatto, avendo la precauzione di inserire i fazzoletti di carta, i rotoli di carta asciugamano, le mascherine, i guanti, i tamponi per test di autodiagnosi in una busta separata che poi va chiusa e gettata nel contenitore per la raccolta del materiale non riciclabile.

Nota tecnica ISS



FAQ EMERGENZA COVID
I presidi sanitari domestici utilizzati per la riduzione ed il contenimento da COV-19 (come mascherine e guanti)  vanno ben chiusi in un sacchetto a parte e conferiti nel contenitore del rifiuto secco residuo.

I soggetti positivi al COVID-19, a partire dal 1° Aprile dovranno riprendere a fare una regolare raccolta differenziata secondo le regole in vigore nel proprio territorio seguendo però alcune specifiche raccomandazioni:
- Per tutte le frazioni andranno utilizzati due sacchetti uno dentro l’altro della stessa tipologia prevista per la frazione raccolta;

- Si raccomanda in generale di chiudere adeguatamente i sacchi eventualmente utilizzando guanti monouso; I guanti monouso utilizzati per l’operazione dovranno essere rimossi rovesciandoli (per evitare che vengano a contatto con la cute) ed essere eliminati nel successivo sacco di rifiuti indifferenziati;

- I fazzoletti di carta, i rotoli di carta asciugamano, le mascherine, i guanti, i tamponi per test di autodiagnosi e i materiali che possono essere stati contaminati vanno inseriti in una busta separata, che poi andrà chiusa e gettata nel contenitore per la raccolta del materiale non riciclabile (indifferenziata);

- Si raccomanda di non schiacciare e comprimere i sacchi con le mani;

- Si raccomanda di far smaltire il rifiuto dalla propria abitazione con le procedure in vigore sul territorio.

- Evitare di fare accedere animali nel locale in cui sono presenti i sacchetti di rifiuti per evitare rotture dei sacchetti;

- Assicurarsi, ogni volta che si dovranno smaltire oggetti taglienti, a punta o comunque in grado di provocare rotture dell’involucro, che ciò non avvenga avvolgendoli con carta o inserendoli in un contenitore.

No, il servizio di raccolta dei rifiuti è ad oggi garantito in tutto il territorio, seguendo le modalità e i giorni previsti dal calendario degli svuotamenti.

SI, il servizio è attivo.

Si, al fine di garantire il servizio pubblico saranno attivi e rafforzati tutti i nostri numeri dedicati:

UFFICIO CLIENTI

NUMERO VERDE (SOLO DA RETE FISSA): 800 66 70 36

SOLO DA CELLULARI: 075 59 17 125

WhatsApp 333.9553215

Email ufficioclienti@gestumbria.it - ufficioclienti@gesenu.it

UFFICIO TARI PERUGIA NUMERO 0750440899 - MAIL tia@gesenu.it

UFFICIO TARI TODI NUMERO 0750440898 – MAIL taritodi@gesenu.it

UFFICIO TARI TORGIANO NUMERO 0750440898 – MAIL taritorgiano@gesenu.it

FAX 0755056333

PEC pec.tiagesenu@legalmail.it 

Documento della Prevenzione della Corruzione
La raccolta differenziata si impara tra i banchi di scuola!
Un portale dedicato agli impianti di recupero per scoprire le attività di gestione e trattamento dei rifiuti urbani.